Casarìx

 

Giovedì 18 Agosto 2016 – Pieve di Teco
UBAGA -una notte di Sapori, Danza e Cultura di un territorio
ENDAS Imperia sez. arte e cultura in collaborazione con l’Associazione Arroscia Valle Slow, Il sentire del Cuore, l’Amministrazione Comunale di Pieve di Teco, l’Unione dei Comuni, il Parco delle Alpi Liguri, e le Associazioni del Territorio promuovono una serata di cultura e shopping nel Centro Storico di Pieve di Teco con una rivalutazione dei Musei della Valle.
L’evento prevede in Corso Ponzoni – Via della purificazione e della gastronomia – la presenza di espositori legati a tradizioni agricole e a piante aromatiche e spezie; simboli del Territorio sono i profumati mazzi di lavanda e le collane di aglio; verrà inoltre promossa a cura di ENDAS cultura l’iniziativa “cibo sano per vivere sani”.
Durante il percorso ci sarà la possibilità di scoprire le fattezze e il significato delle Maschere di Ubaga rappresentanti l’eterna lotta tra Bene e Male. Inoltre sarà possibile partecipare a balli e performance artistiche nei punti caratteristici di Pieve, per rievocare il cammino purificatore nel quale erano coinvolte le maschere durante i riti tribali delle popolazioni antiche. La performance artistica “MascherArti.” realizzata con il gruppo di artisti della Valnervia (Celia Antonio, Paganoni Carlotta, Humpert Petra, Rezoagli Aurelio e scuola di scultura dell’Associazione Fohaus) si terrà alle ore 22:00 all’interno del cortile del Museo delle Maschere.

Baigorix

Le “Maschere di Ubaga” rinnovano l’eterna contrapposizione tra la morte e la rinascita della natura, l’uso della maschera come mezzo per accostarsi alla mitologia e per evocare un mondo rurale, custode di memorie e costumi primordiali, le cui remote radici sopravvivono in nomi, toponimi, tradizioni e rituali. Perciò il mito è rappresentato dalla “maschera”, la quale ancor prima di essere un’opera estetica, rappresenta il mezzo per stabilire un contatto con ciò che sfugge.
Con il linguaggio delle forme e dei colori e con l’ausilio dei simboli, esse evocano immagini di forze cosmiche, anche di virtù e debolezze della natura umana, che formalizzano le categorie del “bene” e del “male”, aventi un’influenza fondamentale sul destino del singolo e della collettività. Nell’idioma ligure pre-latino “ubagu” è sinonimo di località impervie, esposte a settentrione e inospitali, come lo sono le località dello scosceso versante destro della Valle Arroscia, ma le cui remote radici affondano nel substrato etnico – culturale di quelle primitive tribù di pastori agricoltori che, per circa due millenni, avevano dato vita al culto del monte Bego.
ore 18.30 Cesare Arena percussionista darà il via all’evento dai giardini dell’auditorium, in Corso Ponzoni – Via della purificazione e della gastronomia, saranno presenti operatori con piante aromatiche, aglio, lavanda e lecornie a base di prodotti della Terra.

Penn

Punti tappa dell’evento
BarOne – parmigiana con Basilico e Pomodorini
Il Borgo Antico – trofie al pesto e patate con ajé
Angus Point – salsicce, hamburger………
La Grotta – panini con prodotti del territorio e giro pizza tematico
Birrificio Cerea con le eccezionali peculiarità del Monregalese “il grano saraceno” che rappresenta le caratteristiche produttive ed emotive del territorio ed ha un legame storico che le genti che si tramandano la coltivazione di questa pianta.

stand promozionali dei comuni della Valle Arroscia
balli etnici negli spazi adiacenti al Museo delle Maschere di Ubaga con i gruppi Fusion Tribe e Rosa dei Venti.
ore 20.00 a La Grotta concerto di music live acustica con il gruppo “i Tre Gotti”
ore 21.30 Performance artistica al Museo delle Maschere di Ubaga.
Il museo delle Maschere di Ubaga rimarrà aperto fino alle ore 24.00
Anche l’esposizione di Mostra Contemporanea ospitata nelle sale mostre dell’ex caserma con la scultura-installazione ‘Sotto i campanili’ potrà essere visitata fino alle 24.00.

Vieni ….Visita ….. Assapora la Valle Arroscia!

Locandina Mendatica

Sabato 20 Agosto, a partire dalle ore 19 e per l’intera serata, il borgo di Mendatica (IM), come è ormai tradizione da diversi anni, ospiterà fra le aie e i carruggi del proprio suggestivo centro storico turisti e gruppi musicali in occasione della tradizionale “Festa della Cucina Bianca”: un itinerario gastronomico alla scoperta delle specialità tipiche dell’antica Civiltà delle Malghe, che si snoderà attraverso le vie e le piazze più caratteristiche del paese, offrendo la possibilità di gustare tutti i sapori della transumanza.
Unita agli altri Comuni dell’Alta Valle Arroscia (Cosio, Montegrosso Pian Latte e Pornassio) da una cultura gastronomica per secoli legata alla dura vita pastorale, Mendatica, ancora oggi e grazie all’impegno dei suoi abitanti, riesce a far rivivere le antiche ricette tramandate di generazione in generazione, utilizzando i semplici ingredienti che i pastori delle Alpi Liguri avevano a disposizione durante i trasferimenti stagionali delle greggi.
Farinacei, latticini, ortaggi come patate, rape, porri e aglio divengono così i protagonisti di una serata interamente dedicata alla memoria di un patrimonio che solo grazie alla volontà del Comune, della Pro Loco e di tutta la popolazione riesce ancora a rimanere intatto, riproposto ogni anno all’interno di un percorso itinerante dove ad ogni punto di degustazione corrisponde un piatto caratteristico preparato dalle singole famiglie del borgo: pan fritu, streppa e caccia là, turle, torta di patate, dolci e tante altre specialità preparate dai “mendaighini” accompagneranno i piatti di altri borghi della Cucina Bianca, come le rajore de Cuxe, le raviore de Montegrossu, la polenta bianca di Ormea e il gran pistau di Buggio (Pigna).
Ai sapori semplici e agli aromi invitanti di queste specialità, si aggiungerà poi la cornice suggestiva del centro storico che le ospita, in una serata indimenticabile durante la quale diversi gruppi musicali eseguiranno repertori melodici di ogni genere, adatti a tutte le età e a tutti i gusti. La festa potrà infatti vantare la presenza di alcune fra le band più conosciute del Ponente Ligure.
Per l’ottavo anno consecutivo verrà inoltre organizzato un mercatino di artigianato e prodotti tipici che verrà allestito in paese a partire dal tardo pomeriggio: oggetti a decoupage, gioielli fatti a mano, ceramiche, lavori di cucito, e tante altre idee dell’hobbistica si uniranno agli espositori dei prodotti locali.
A partire dalle ore 19, sulla Piazza della Chiesa, sarà possibile acquistare i biglietti per l’itinerario gastronomico completo, mentre chi vorrà provare soltanto alcune specialità potrà rivolgersi ai singoli punti di degustazione sparsi per le vie del borgo. NON SARA’ EFFETTUATA ALCUNA PREVEDITA.
Tariffe: € 20,00 per il biglietto completo, € 2,00 per le singole degustazioni.
Info: 0183 38489 – 338 3045512 – iat@mendatica.com – www.facebook.com/mendatica

locandina la notte di ubaga

 

La notte di UBAGA- una notte di Sapori e Danza a Pieve di Teco

Partono i preparativi per organizzare la notte di UBAGA, tutta la Valle Arroscia si sta attivando per la prima edizione di questa notte che promuove il museo delle maschere di Ubaga di Pieve di Teco ma anche tutti i musei del Territorio nati intorno al 2000.
Le “Maschere di Ubaga” rinnovano l’eterna contrapposizione tra la morte e la rinascita della natura, l’uso della maschera come mezzo per accostarsi alla mitologia e per evocare un mondo rurale, custode di memorie e costumi primordiali, le cui remote radici sopravvivono in nomi, toponimi, tradizioni e rituali. Perciò il mito è rappresentato dalla “maschera”, la quale ancor prima di essere un’opera estetica, rappresenta il mezzo per stabilire un contatto con ciò che sfugge. Con il linguaggio delle forme e dei colori e con l’ausilio dei simboli, esse evocano immagini di forze cosmiche, anche di virtù e debolezze della natura umana, che formalizzano le categorie del “bene” e del “male”, aventi un’influenza fondamentale sul destino del singolo e della collettività. Nell’idioma ligure pre-latino “ubagu” è sinonimo di località impervie, esposte a settentrione e inospitali, come lo sono le località dello scosceso versante destro della Valle Arroscia, ma le cui remote radici affondano nel substrato etnico – culturale di quelle primitive tribù di pastori agricoltori che, per circa due millenni, avevano dato vita al culto del monte Bego. L’evento prevede in Corso Ponzoni la dislocazione di vari punti di degustazione di prodotti tipici e di espositori di infusi, piante aromatiche e spezie. Durante il percorso tra i diversi stand, ci sarà la possibilità di scoprire le fattezze e il significato delle Maschere di Ubaga rappresentanti l’eterna lotta tra Bene e Male.
Per info: Segreteria Arroscia Valle Slow tel. 3711530501

MascherArti bozzaFINALE

Mostra contemporanea di scultura e pittura
MascherArti
da Sabato 6 Agosto a Domenica 4 Settembre

mostra collettiva degli artisti Celia Antonio, Humpert Petra, Paganoni Carlotta, Rezoagli Aurelio e la Scuola di Scultura Associazione FOHAUS di Dolceacqua.

Pieve di Teco: ENDAS Imperia sez. arte e cultura in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Pieve di Teco, l’Unione dei Comuni della Valle Arroscia, il Parco delle Alpi Liguri, l’Associazione Arroscia Valle Slow e l’Associazione Il sentire del Cuore promuove a Pieve di Teco nelle sale dell’ex caserma Manfredi in Piazza Borelli una mostra collettiva di scultura e pittura contemporanea degli artisti Celia Antonio, Humpert Petra, Paganoni Carlotta, Rezoagli Aurelio.
La mostra dal titolo MascherArti ospita anche la scultura installazione “Sotto i campanili” realizzata dagli allievi della Scuola di Scultura dell’associazione FOHAUS di Dolceacqua sotto la guida dello scultore Rezoagli Aurelio.
Inaugurata Sabato 6 Agosto, la mostra rimarrà aperta fino al 4 di settembre.
Gli artisti collaboreranno inoltre alla “Notte di UBAGA – sapori e danze”, che si terrà giovedì 18 agosto con una installazione performance “L’incanto dell’Identità”.

CELIA ANTONIO
Nato il 3.8.1955 a Ventimiglia. Autodidatta. I suoi lavori di pittura sono ispirati dalla natura e dai suoi elementi. Iperealistico ama interpretare principalmente selvaggi paesaggi marini e le ramificazioni di alberi. Dagli anni 2000 ha partecipato a varie collettive in Costa Azzurra e in Liguria. Ultimamente si dedica a creazioni con legni marini. Passione nata per caso passeggiando in spiaggia con l’intento di dar a questi rami o radici nuova vita. La sua curiosità lo porta ad avventurarsi anche nel campo della scrittura

PETRA HUMPERT
Da circa quattro anni segue la scuola di scultura e collabora con il maestro Aurelio Rezoagli ed é vice presidente della scuola dell’Associazione Fohaus di Dolceacqua. Ha partecipato a diverse mostre collettive e installazioni; l’ultima installazione é il Maneggio presentata a Torino nel maggio 2016.

PAGANONI CARLOTTA
Nata a Milano, cresciuta tra gli oggetti di desing che il padre collezionava e vendeva. Ha frequentato la scuola Steineriana sviluppando una predisposizione per il lavoro manuale e per il mondo dei colori. Ha scelto di proseguire gli studi nel capo dell’arte frequentando il liceo artistico e l’accademia, prima a Urbino e poi a Brera, dove ho partecipato a diverse collettive. Ama lavorare con la materia e giocare con le forme per portare le persone a riflettere su temi importanti attraverso la magia della metafora.

AURELIO REZOAGLI
nato nel 1955 residente a Rivoli (TO), da quattro anni lavora nelle campagne di Apricale (IM). Da giovanissimo segue le orme del padre pittore ma la sua passione era il legno. Si diploma in architettura di interni e avvia una azienda di arredamenti. Nel 1980 si diletta con la scultura da autodidatta ed in seguito frequenta la scuola di scultura di Bussoleno, dove presto ne diventa vice presidente. Nel 1996 organizza il primo concorso internazionale di scultura con circa 45 scultori da tutta Europa. Nel 2000 diventa consulente per l’artigianato artistico regione Piemonte. Nel 2005 comincia ad insegnare a Rivoli e attualmente insegna a Dolceacqua nella sede della ass. Fohaus. Ha esposto: Grenoble, Barcellona, Prato vecchio (Toscana), Sutrio (Friuli), Torino, Sestriere, Bordighera, Rivoli,Gabbiano (AL)

Vieni ….Visita ….. Assapora la Valle Arroscia!